POETENLADEN - neue Literatur im Netz - Home
 
 
 
 
 
 
 

 

Alessandro De Francesco
siamo tutti nel corridoio        l'illuminazione dei lampadari
cercando l'entrata del teatro
tende nere ma non ce ne accorgiamo

però quando restiamo in due  ci guardiamo
e ci guardiamo intorno         crediamo gli altri inghiottiti

qualcuno bussa alla vetrata
i volti di prima sorridenti
gli amici che scherzano       dall'altra parte
ci invitano a passare
e non è l'entrata di un teatro
ma porta sulla strada

uscendo   nel freddo   un manipolo di gente guarda in alto
da una finestra di un palazzo una tv
trasmette il filmino girato quell'estate
quando saremo tutti insieme    a casa


ci sono io che mi spoglio davanti alla cabina della doccia
mi giro nudo in erezione qualcuno applaude      ride
guardo l'obiettivo rido anch'io poi un qualcosa    offusca la ripresa
al momento del varco

 

Aus: Lo spostamento degli oggetti. Gedichte, italienisch
Cierre Grafica/Anterem, 2008

Alessandro De Francesco    20.01.2008    Druckansicht Zur Druckansicht - Schwarzweiß-Ansicht    Seite empfehlen Diese Seite weiterempfehlen

Alessandro De Francesco
Lyrik
Die Verschiebung der Objekte
Hervorbringen